13 milioni di Margherite

Il Senatore Lusi, ex tesoriere della Margherita, ha rubato 13 milioni dai fondi dell’ex partito, ora confluito nel Partito Democratico. Sebbene abbia tentato il patteggiamento ad un anno per appropriazione indebita, ha incontrato un no secco dei PM.

Lusi è un delinquente che merita di essere punito duramente e senza sconti.

Questa notizia mi ha destato rabbia ed amarezza. Questo perché io, come tanti altri ragazzi lavoriamo quasi un mese all’anno come volontari nelle varie feste democratiche, strumento con il quale il partito raccoglie fondi, senza percepire un euro, per puro spirito di servizio e per la passione che ci lega al mio Partito. La notizia che il tesoriere di partito abbia commesso un tale reato è cosa ancor più inaccettabile se si pensa a tutte quelle persone come noi dedite al volontariato nelle sezioni.

Ma questo non deve assolutamente farci cadere nella retorica qualunquistica con cui si accusa la classe politica in generale di essere una manica di balordi dediti ad operazioni criminose quanto questa.

Se un imprenditore non paga le tasse, allora tutti gli imprenditori italiani evadono?

Se una maestra picchia un bambino, allora tutte le maestre italiane sono violente?

Se un politico commette un reato deve pagare secondo i criteri previsti dalla legge, senza appellarsi ad immunità od altro. La cattiva condotta di un soggetto non sancisce una generalizzata cattiva condotta da parte di tutti gli appartenenti alla categoria.

Una dote di cui dovrebbero fornirsi gli italiani sarebbe un maggior spirito critico, a scapito di un dilagante qualunquismo.

Purtroppo, come spesso accade, i mass media, fanno audience solo attraverso notizie negative.

 

 

Un pensiero su “13 milioni di Margherite

Rispondi